2018 24 settembre

Il piano enel per le colonnine delle auto elettriche






Entro la fine dell'anno saranno una novantina le colonnine per il "rifornimento" elettrico di Enel X a Nordest. L'area è partita a rilento rispetto ad altri territori, ma ora sembra pronta a crederci. Finora, dicono i dati di Enel X presentati all'Autodromo di Vallelunga, nel Veneto sono state installate 29 colonnine, altre 13 se ne aggiungeranno entro fine anno. Ma il numero delle colonnine attive in Veneto è destinato a raddoppiare nei prossimi mesi a quota 80. Circa 20 colonnine sono previste in Friuli Venezia Giulia nel complesso (tra già installate e da installare) e altrettante sono previste per il Trentino Alto Adige. In Friuli Venezia Giulia comunque si punta a quota 400, cioè 150 in più rispetto alle stime iniziali. «La pipeline - spiega Alberto Piglia, responsabile di e-mobility di Enel X - però è molto più elevata. L'anno scorso in questi territori avevamo dati bassissimi, ma oggi vediamo che si sta partendo. Qui si è registrato un ritardo rispetto ad altre regioni, ma ora abbiamo di fronte una situazione diversa. Il parcheggio San Marco a Venezia installerà nostre colonnine e anche per la città di Venezia abbiamo dei progetti».Un piano da 300 milioni. Il Piano Italia di Enel per la mobilità sostenibile, 14 mila colonnine entro il 2022 e 300 milioni di investimento complessivo, prosegue a ritmo serrato. In questo momento ha spiegato il responsabile di Enel X Francesco Venturini «stiamo installando tra le 60 e la settanta colonnine alla settimana. Novecento colonnine entro fine anno che si aggiungono alle circa 1600 già presenti. Quindi l'utente Enel avrà accesso a circa 2500 colonnine in Italia entro fine anno». L'Italia è fanalino di coda nelle immatricolazioni di auto elettriche, circa 16 mila in tutto, ma nell'ultimo anno il tasso di crescita è stato del 110%. Segno che l'interesse attorno a questo settore è sempre più elevato sono gli investimenti delle case automobilistiche, la stessa Fca a giugno ha annunciato investimenti in questo comparto per 9 miliardi. «La nostra sfida è quella di guidare la transizione energetica: l'elettricità sarà il principale vettore per realizzare una profonda decarbonizzazione di tutti i settori, primo fra tutti quello dei trasporti», spiega l'amministratore delegato di Enel Francesco Starace. Sottolineando che «Quella della mobilità elettrica è una rivoluzione in corso» e l'Italia parte (sulla carta) «da una posizione di vantaggio avendo una rete già completamente digitalizzata». Andando nel dettaglio dell'intervento, Starace ha spiegato che «per la realizzazione del nostro Piano nazionale di infrastrutture di ricarica abbiamo già siglato accordi per circa 4.300 infrastrutture di ricarica con le amministrazioni pubbliche, ma anche con realtà industriali e commerciali, che ci permetteranno di proseguire veloci per far sì che l'auto elettrica sia alla portata di tutti».





 

Fonte: Messaggero Veneto 



 



IL NUOVO

IL NUOVO

Scopri le nostre auto nuove; siamo rivenditori VOLKSWAGEN e SKODA..

USATO DI QUALITA'

USATO DI QUALITA'

Parti alla grande con il nostro usato selezionato..

SERVIZI

SERVIZI

La vasta gamma di servizi che MAURIG ANTONINO snc può offrire per la vostra auto.